mercoledì 22 novembre 2017

BIZZARRIE MESSICANE PARTE PRIMA

Il divertente di vivere all'estero è - tra le altre cose - apprendere abitudini e stili di vita che probabilmente come turista non si riescono a cogliere, non vivendone la quotidianità. Gradualmente si scoprono quindi cose che piacciono, altre che affascinano ed altre ancora che alle volte lasciano perplessi. Ora, mentre è abbastanza intuitivo comprendere che in Cina le perplessità fossero moltissime, in Messico tutto accade in modo più sottile perché se all'apparenza molto è “comune”, trattandosi di due culture, la italiana e la messicana, entrambe latine, molte consuetudini restano da digerire. Alcune fanno sorridere, altre invece possono dare un po’ sui nervi, specie se non si è particolarmente tolleranti.
Io non mi considero un’intollerante, altrimenti avrei continuato a vivere a Milano per tutta la vita. Però non nego che ci sono giorni in cui le diversità mi pesano, probabilmente a seconda delle ore di sonno, del famoso lato dal quale sono scesa dal letto o da chissà che altro.

martedì 14 novembre 2017

LA TUTOR

Ci deve essere qualcosa che mi sfugge qui in Messico.
Prima per un play date, prendo una bambina e vinco una tata.
Ora, prendo una tutor di matematica e a quanto pare vinco una bambina.
Cioè questa arriva e si porta dietro la figlia. 
E fin qui, passi. 
Nel senso che la mia solidarietà alle mamme che lavorano è totale ed incondizionata.

martedì 24 ottobre 2017

IL PLAY DATE

Giusto avevo appena finito di descrivere le mie fatiche di mamma alle prese con la routine messicana, che mi viene la brillante idea di organizzare un play date (pomeriggio di gioco, per chi mi stesse mandando al diavolo della serie “parla come magni”). Dicevo un play date ma doppio, cioè per entrambe le figlie, in modo da rendere tutte contente e al contempo togliermi la rottura di palle in una volta sola perché, come ho già avuto modo di sottolineare, qui le scuole non sono di quartiere, QUINDI non sono sotto casa, QUINDI, le compagne di scuola non vivono nei pressi e SICURAMENTE quelle che piacciono di più vivono agli antipodi. So già che mi aspetterà un pomeriggio pesante, quindi tanto vale metterci il carico da novanta così poi per un po’ sono a posto.

domenica 15 ottobre 2017

VAMOS AL COLEGIO!

Tornati alla nostra nuova routine, ci sarebbero diverse cose di cui vorrei parlare, ma aspetto di avere un po’ più di carne al fuoco. Nell'attesa, ne approfitto per fare un quadro della scuola delle mie bambine, premettendo che evidentemente non tutte le scuole messicane sono come la loro e che quindi questa è strettamente la mia opinione.
Tanto per cominciare in Messico la scuola si definisce colegio, parola che a noi tutti fa venire un po’ i brividi e ricorda un istituto correttivo e non un luogo particolarmente ameno. In particolare, questa scuola si chiama British American School e in effetti non ho ancora avuto il coraggio di chiedere alla direttrice il perché di questa scelta.
Ipotesi uno: è di matrice americana ma con la divisa all’inglese.
Ipotesi due: segue il modello inglese ma si mangia junk food.
Ipotesi tre: dovevate riempirvi la bocca con un nome altisonante.
Probabilmente un po’ di tutto.

martedì 3 ottobre 2017

REPETITA NON IUVANT

Io sono superstiziosa. Di quella superstizione piccina e un po’ bieca, legata a riti da ripetere o cose da non fare perché mi immagino che portino sfiga. Per questo motivo ho riflettuto molto se scrivere nuovamente del terremoto o piuttosto fingere che non fosse successo: ho pensato che siccome avevo scritto di quello del 7 settembre e poi è capitato quello del 19, MOLTO peggiore, scriverne ancora avrebbe significato tirarsela addosso.

mercoledì 13 settembre 2017

IL PIPPERO

Minimizzare il fatto che dopo poche settimane dal nostro arrivo in suolo messicano ci sia stato il terremoto più forte degli ultimi cento anni non è estattamente cosa facile, per quanto mi renda conto che farei meglio a non lamentarmi e ringraziare la mia buona stella perché dopo tutto non ci è successo nulla. Quando siamo stati qui in visita in aprile, l’argomento terremoto era stato abbondantemente affrontato con la nostra guida, la quale ci aveva rassicurato che dopo il sisma del 1985 molti edifici (tradotto: quelli che non si sono polverizzati) sono stati messi in sicurezza, mentre tutti quelli di nuova costruzione sono oggi antisismici. Esattamente, la signora si era espressa così: A Città del Messico c’è un sacco di corruzione, molto cose non funzionano, abbiamo tantissimi problemi ma una delle poche cose su cui non si scherza sono le certificazioni antisismiche degli edifici. Pur avendole sostanzialmente creduto, abbiamo preferito andare ad abitare in una palazzina di due piani piuttosto che in un grattacielo di trenta.
Se proprio devo essere sotterrata dalle macerie, che almeno siano poche.

lunedì 4 settembre 2017

RISATE A DENTI STRETTI

Quando ci si trasferisce all’estero con un contratto di lavoro da Expat, il trattamento riservato può essere più o meno ricco di servizi a supporto del proprio inserimento nella nuova realtà sociale. Naturalmente se uno si trasferisce dall’Italia alla Francia non necessiterà dello stesso tipo di assistenza di chi invece si sposta da Oslo alla Sierra Leone. Noi, che siamo una via di mezzo, abbiamo beneficiato di un Cross Cultural Training Support, ovvero un mini corso di 8 ore, spezzate in due giornate, in cui mentre le bambine trangugiavano la più lunga sessione di cartoni animati della vita, ricevevamo informazioni sulla nazione che è così cortese da ospitarci.
Il corso però non è andato esattamente come da aspettative: basti solo dire che da quando abbiamo finito le prime quattro ore dormiamo da cani ed io ho pure sognato che ci trovavamo in una piazza dietro casa dove squartavano le mucche intere davanti ai bambini.
La trainer, una signora con l’aria molto manageriale, messicana ma di madre francese e padre italiano, ha esordito dicendo che ci avrebbe fatto un quadro il più possibile completo dei pro e contro del vivere in Messico, ma probabilmente si è persa un po’ per strada perché io di pro non ne ricordo nemmeno uno.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...